Christina B. Assouad - Jonathan Arpetti



Incontriamo Christina B. Assouad e Jonathan Arpetti autori di Chef Love per Rizzoli Youfeel. Chiacchieriamo di cucina, letteratura, sentimenti.

Christina (C), Jonathan (J)… avete deciso di scrivere perché…
J: In pratica non ho deciso io... è stata mia moglie a indirizzarmi su questa strada. All’epoca, per conquistarla continuavo a scriverle dei versi d’amore e una volta raggiunto lo scopo, la mia intenzione era quella di smettere, ma lei ha insistito perché non lo facessi... secondo lei avevo delle qualità e visto che le donne hanno sempre ragione...
C: Io ho iniziato scrivendo poesia. La scrittura era l'unico mezzo con il quale riuscivo a esprimermi al cento per cento. Poi dai versi sono passata alla prosa, questo passaggio è stato dettato dall'esigenza di uno "spazio" più grande dove mettere in scena una trama fatta di emozioni e personaggi.

Com’è nata l’idea di Chef Love? E perché un libro scritto a quattro mani?
Io e Jonathan scriviamo insieme da diverso tempo, quindi abbiamo colto l'opportunità di Youfeel per proporre un romanzo breve basato sulla scrittura collaborativa. Questa volta abbiamo scelto di usare il doppio punto di vista per mostrare i vari passaggi della storia sia attraverso la voce di Matilde che tramite quella di Gianluca.
Chef Love è nato dall'incontro tra la mia curiosità verso tutto ciò che riguarda il mondo della cucina e dalle varie manovre anti incendio che invece Jonathan si trova a fare ogni volta che si trova davanti ai fornelli. Questo per dire che anche se la storia tra Matilde e Gianluca è frutto della nostra fantasia, in realtà tutta la storia è pervasa da alcune caratteristiche biografiche di noi autori.

Domanda d’obbligo… come ve la cavate in cucina? Quale piatto è il vostro capolavoro culinario?  
J: Io non so cucinare, quando sono davanti ai fornelli, al massimo, riesco a preparare un piatto di pastasciutta. Il minimo indispensabile per la sopravvivenza.
C: A me piace molto la cucina, sono sempre curiosa di assaggiare nuovi sapori e ingredienti che non conosco. Nel mio food blog www.haricotvert.it descrivo molti dei miei "incontri" a tavola. In realtà non ho ancora sfornato un vero capolavoro culinario, ma posso dire che il pan di spagna è la ricetta che sono riuscita a eseguire con maggiore successo! Sarà legato al mio amore per i dolci?

Credete che il cibo possa avere un’influenza nella sfera erotica o sentimentale?
J: Se per cibo si intende anche del cioccolato nero fondente, direi proprio di sì.
C: Senza esagerare posso dire che il cibo è alla base dei nostri pensieri e delle nostre conversazioni. Quante volte ci capita di uscire a cena con amici e parlare ancora di cibo o di un piatto che abbiamo gustato durante la settimana? Sul potere afrodisiaco di alcuni ingredienti si discute molto, personalmente ritengo che una cena a lume di candela con pietanze di grande impatto visivo e che contengono la giusta dose di morbidezza-croccantezza possa condurre a un dopo cena piuttosto intrigante.

Come è nata la collaborazione con Youfeel? 
È stato il frutto di un incontro avvenuto durante un importante festival letterario. Concluso il festival abbiamo mantenuto i contatti con la responsabile della collana Youfeel sottoponendole alcuni nostri lavori. La sua valutazione è stata positiva e dopo qualche mese è nato Chef Love.

Un consiglio per chi vorrebbe pubblicare il suo manoscritto.
L'unico consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di credere nella vostra opera e proporla alle agenzie letterarie o alle case editrici solo dopo essere sicuri che non sia necessario togliere o aggiungere altro alla vostro manoscritto. Mettersi in discussione è necessario per poter crescere come autori, quindi prima di inviare la vostra opera a qualcuno, fatela leggere a persone appassionate di lettura e che soprattutto godono della vostra stima e fiducia.

La vostra opinione riguardo le possibilità che Internet offre agli autori.
Internet offre senza dubbio innumerevoli possibilità a un aspirante autore, soprattutto quella di entrare in contatto in modo diretto con editor di case editrici e agenti letterari, ma anche con blogger a cui far leggere il proprio testo e avere un feedback professionale e disinteressato. Crediamo che internet sia un mezzo prezioso per mettersi in contatto con i professionisti dell'editoria e mostrare loro i propri lavori. 

Che cosa ci state “preparando” per il futuro?
Abbiamo diverse cose in cantiere, al momento stiamo terminando un romanzo e molto presto torneremo con un nuovo ebook per la collana Youfeel.

Bio
Christina B. Assouad.
Nata a Denver (USA). Laureata in Lingue e Letterature Straniere e in Psicologia, trova soddisfazione alla sua curiosità di storie vissute o immaginate solo nel mondo delle parole. Negli ultimi anni ha pubblicato diversi romanzi, sia da sola (‘Biscotti ai mirtilli’) sia in collaborazione con altri autori (‘Social Singles’, ‘Tutto il resto è rasta’, ‘Lavoricidi’, ‘Lavoricidi italiani’).
Jonathan Arpetti.
Dopo l’esordio con il romanzo ‘Fino alla fine del mondo’, nel 2010 ha pubblicato ‘I love Ju’ (vincitore di un concorso letterario organizzato da Radio 24), cui è seguito ‘Juve 30 e Love’, scritto insieme a Marco Apolloni. È anche autore e promotore di romanzi collettivi (‘Affetti collaterali’, ‘Lavoricidi', ‘Lavoricidi italiani’, ‘Social Singles’ e ‘Tutto il resto è rasta’). Il suo sogno è scrivere per il cinema.

Nessun commento:

Posta un commento