lunedì 13 agosto 2018

Il trillo del diavolo
Paolo Morganti
Morganti Editore
pag. 272
prezzo € 16,66

La Trama
Paolo Morganti continua il genere del giallo-paranormale iniziato con il romanzo "Le forme del male". I due protagonisti sono sempre Paolo Lanfranchi, chef e moderno benandante, e Francesca Coradazzi, restauratrice e medium. Il teatro narrativo è quello della Carnia attuale, custode di misteriose storie insolute. Il libro si sviluppa in tre racconti. Nel primo, "Il trillo del diavolo", Lanfranchi è ossessionato da un'intuizione che lo spinge a trovare la relazione fra una serie di suicidi. Scorgendo in alcune foto sempre lo stesso uomo, scoprirà che questi è un violinista tutt'altro che normale. Il secondo, "Gli spettri di Verzegnis", conduce i protagonisti a rivangare il caso di presunta possessione che colpì il paese nel 1878. Paolo riceverà un carteggio creduto distrutto, in cui lo scrivente rivela la verità sulle donne indemoniate. Storia di chiusura in stile Henry James, è "La presenza perfetta", un bellissimo ma inquietante spettro di bambina, ritornato fra i vivi a Nonta di Socchieve.

Le forme del male 
Paolo Morganti
Morganti Editore
pag. 256
prezzo € 17

La Trama
Con questo nuovo libro lo scrittore presenta due nuovi personaggi in una cornice temporale moderna, all'interno della quale li muove in storie di carattere paranormale. Siamo in Carnia, il protagonista è uno chef, Paolo Lanfranchi, che risvegliatosi dopo un anno di coma scopre di essere diventato ipersensibile alle molteplici forme con cui il Male si manifesta tra gli uomini. Questo lo porterà a vivere situazioni razionalmente inspiegabili. Gli fa da spalla nelle indagini un'affascinante restauratrice, Francesca Coradazzi. La vita di entrambi si svolge con normalità e regolarità, sino a quado qualcuno o qualcosa, carico di emozioni negative, incappa nel protagonista. Come reazione lui viene 'posseduto' da una serie di disturbi fisici e psicologici, da cui può liberarsi solamente svelando il mistero o riportando alla luce colpe obliate e delitti impuniti. Il romanzo, strutturato in una serie di indagini, inizia con L'isola dei morti, in cui Paolo Lanfranchi arriva a Verzegins per prendere possesso della casa lasciatagli dalla moglie, uccisa un anno prima. Dopo una serie di strani eventi, fra cui un quadro che gli evoca strani sogni, viene attirato sulla riva del lago da un'inquetante presenza. Nel secondo, Le forme del Male, Francesca Coradazzi riceve da un cliente un dipinto da restaurare. Le foto a infrarosso scattate alla pittura rivelano una mostruosità nascosta, e Lanfranchi dovrà svelare un'antica maledizione per risolvere un caso di omicidio. Il libro si conclude con Il bastone della morte in cui il cuoco-benandante s'imbatterà, in una casa del borgo di Avàris, nello spettro infelice di una donna uccisa cinquant'anni prima. Per darle pace riporterà alla luce una storia risalente alla seconda guerra mondiale.

Recensione
È tempo di letture estive!
E se, nel caldo africano di agosto, ci si vuole rinfrescare immaginando la verde Carnia, consiglio i racconti ambientati e Verzegnis e dintorni, scritti da Paolo Morganti: Le forme del male e Il trillo del Diavolo. Entrambi i libri sono delle piccole raccolte: c'è sempre il thriller, c'è la storia locale, ci sono i piatti tipici e l'aura magica di una terra antica ed ancora inesplorata. I personaggi, secondo lo stile di Morganti, sono molto immediati, pronti alla schermaglia, credibili anche nelle situazioni più bizzarre. I racconti si leggono con piacevole velocità, come bere una sorsata di acqua fresca. E la mente corre a luoghi familiari eppure così ignoti. Poiché nulla è così remoto come ciò che abbiamo costantemente sotto i nostri occhi.
                                                         Giada Pauletto

Nessun commento:

Posta un commento