domenica 24 giugno 2018

Follia
Patrick McGrath
Adelphi
pag. 296
prezzo € 10,20

La Trama
Una grande storia di amore e morte e della perversione dell'occhio clinico che la osserva. Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre il caso clinico più perturbante della sua carriera: la passione tra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra, e Edgar Stark, artista detenuto per uxoricidio. Alla fine del libro ci si troverà a decidere se la "follia" che percorre il libro è solo nell'amour fou vissuto dai protagonisti o anche nell'occhio clinico che ce lo racconta.

Recensione
Difficile parlare di Follia di McGrath senza rovinarne la lettura. Proviamoci...
Iniziamo col dire che il libro, per merito di autore e traduttore, è scritto in modo impeccabile, cosa tutt'altro che scontata di questi tempi. I personaggi sono tratteggiati con mina leggera, ma si ha subito l'impressione che rimarranno indelebili, e un raffinato lavoro di cesello psicologico, a tratti psichiatrico, dona loro ulteriore rilievo. I fondali, pur ricchi di scorci aperti, sembrano voler accentuare una sensazione claustrofobica che l'autore dichiara necessaria alla comprensione dei fatti e richiamano nella mente del lettore cupe atmosfere vittoriane pur se l'epoca è sensibilmente diversa. Originale e accattivante, la scelta di un narratore in prima persona, retroattivamente onnisciente.
E la trama...
Il libro ci proporrà due balli, tanto solenni quanto anomali, che segneranno l'arco temporale della storia e faranno da contrappunto alla sua evoluzione. Anomalia che si concretizza nell'aggiungere alla solita collaudata coppia Eros e Thanatos un terzo incomodo: la Follia del titolo. Follia che finirà per pestare i piedi a tutti i ballerini fino a conseguenze imponderabili per gli stessi e per il lettore. E se desiderate sapere chi alla fine delle danze potrà uscire in terrazza e mettersi una sigaretta tra le labbra, dopo averle usate per disegnare un sorriso di beffardo trionfo, solo voi potrete stabilirlo e spezzare un triangolo maledetto, ma geometricamente perfetto, con i tre lati identici e misurabili solo sotto il profilo patologico.
Ho visto qualcuno scuotere la testa pensando all'amore come patologia... leggete questo libro e poi ne riparliamo!  
                                              Riccardo Gavioso                                                                                                     

Nessun commento:

Posta un commento