domenica 4 giugno 2017


La figlia di Saadi
Marcella Mallen
Sonia Costa
Polaris
pag. 179
prezzo € 14,45

La Trama
Questo è un viaggio, un viaggio raccontato attraverso le fotografie scattate in trent'anni vissuti in giro per il mondo. Un'intervista dialogo con una viaggiatrice instancabile e i suoi ritratti femminili colti sulla strada, quelle strade che in un periodo così lungo di tempo sono cambiate molto. Una conversazione tra due donne che prende spunto da immagini evocative per sviluppare la narrazione di racconti brevi. Quando è stata scattata quella fotografia? Come hai raggiunto quel luogo? Cosa ti raccontava quello scatto? Dall'India al Brasile, dall'Iran al Senegal, storie ambientate in luoghi lontani, narrate attraverso i gesti, i volti, gli sguardi delle donne e che danno origine a riflessioni su temi universali come la libertà, l'amicizia e l'amore. La data di ogni fotografia è molto importante per comprendere meglio le storie, apprezzarle e cogliere le differenze tra un prima e un dopo. Bastano pochi anni per trasformare un ambiente, tutto corre veloce, un'accelerazione senza precedenti. C'è tuttavia qualcosa, di un paese e del suo popolo, che attraversa le vicende nei vari decenni, non si perde, resta immutato nel tempo. I nuovi viaggiatori ne potranno trovare traccia nelle nostre storie, per poi ritrovarlo nei loro viaggi futuri. Così come i vecchi viaggiatori lo riconosceranno tra le righe dei racconti.

Recensione
La figlia di Saadi, di Marcella Mallen e Sonia Costa è  un libro-intervista che parla di viaggi, di foto, di donne ed universi femminili. Non a caso, ogni sezione, ispirata da una foto, è dedicata al mondo delle donne, maternità, amicizia, amore, sensualità e così via. Ritrovare se stesse attraverso le altre. Ma anche riflettere sulle opportunità e sui privilegi, sulle difficoltà e sulle tradizioni. Perché nascere donna non è mai facile.
Ed in molti luoghi al mondo è una sfida perenne!
                                                                                                 Giada Pauletto

Nessun commento:

Posta un commento