venerdì 30 dicembre 2016


L’attentato 
Yasmina Khadra
Sellerio Editore
pag. 256
prezzo   € 11,90
e-book  €   9,99

La Trama
"L'attentato" non è un romanzo sul terrorismo, per quanto ne sia pervaso dall'inizio alla fine: non è sulle circostanze ideologiche o storiche di esso; sulla giustizia o il torto di una causa, benché alcune pagine incancellabili pongano il lettore nel mezzo della tragedia palestinese. È un romanzo, lucido e lacerante, sulla paranoia che il terrorismo genera quando diventa orrore quotidiano; quando non è esterno ed estraneo, ma si pone come alternativa esistenziale con cui ciascuno deve, nessuno escluso, fare i conti. Amin Jaafari è un chirurgo di Tel Aviv, figlio di beduini naturalizzato israeliano, ottimamente integrato nel successo di una carriera costruita per mezzo del "sedurre e rassicurare", in cui "ogni successo era un'offesa al loro rango". Un attentato di kamikaze vicino al suo ospedale conduce alle sue cure feriti su feriti e arrivano, insieme ad essi, gli agenti dei servizi segreti che arrestano Amin e cominciano a interrogarlo per giorni. Sihem, la bella, intelligente, ammirata moglie di Amin è tra le vittime ma porta sui resti i segni di essere lei l'attentatrice. Pressioni degli investigatori e intimidazioni della gente non convincono il medico. Liberato, giorni dopo, scopre a casa la prova dell'incredibile: è lei l'attentatrice. Così inizia un'indagine personale: "voglio sapere chi ha indottrinato mia moglie, l'ha bardata di esplosivo" ma soprattutto perché "non sono stato capace di farle preferire la vita". Già pubblicato con il titolo “L'attentatrice".

Recensione
Un libro che è un pugno nello stomaco. Non solo per la drammatica attualità, ma anche perché parla dell'odio e delle sue terribili profondità. L'odio insanabile, che ristagna negli angoli più bui dell'essere, che è in agguato, pronto a scatenarsi al primo sospetto, alla prima caduta, alla prima esitazione. Il dramma del protagonista si svolge ad un livello duplice: come palestinese naturalizzato israeliano (odiato da entrambe le parti) e come marito che perde per due volte la moglie. La prosa è meravigliosa, con punte di lirismo che riescono a rendere poetico anche l'orrore. E quando il protagonista ritorna al villaggio e, per un solo attimo, ritrova i propri ricordi ed un pizzico di gioia, una goccia di speranza finalmente brilla.
                                                                 Giada Pauletto
Segnaliamo una piccola gioia da cercarsi con attenzione e cura frugando  in negozietti d’antiquariato o bancarelle che vendono libri scatalogati usati.
Una guida insolita, ricca di humour: i due fratelli Mann, Erica e Klaus, i chiacchierati e controversi figli di Thomas Mann, vi condurranno con humour e grande charme attraverso la glamourosa Costa Azzurra fra casino, hotel di gran classe, pensionino equivoche, taverne di porto, negozi eleganti, caffetterie e bordelli e vi spiegheranno come riuscirono a vivere da principi, circondati dal lusso più sfrenato, spendendo il minimo. Un’autentica piccola gioia, che profuma di un passato di splendore che non tornerà.


Riviera
Il libro della riviera
Erika Mann, Klaus Mann
Editore: Biblioteca del vascello (Viaggi N.s. 18)

Perché la Cote d'Azur rimane dopo vari decenni la spiaggia del divertimento e del riposo del mondo? La riviera: leggenda di lussi, splendori, pellicce di ermellino e beatitudine da champagne. Un viaggio nel sole, tra viali di palme, casinò e alberghi di lusso, lungo una costa "flessibile" che sa sempre offrire ad ognuno quello che cerca, e questo fa parte del suo mistero.

domenica 11 dicembre 2016


La Spartizione del Cuore
Bapsi Sidhwa
BEAT
pag. 333
prezzo   € 9,35
e-book  € 7,99

La Trama
1947 a Lahore Lenny, la piccola voce narrante di questo libro, ha compiuto otto anni. Nella bella casa dei suoi genitori, Lenny si interroga sulle nubi che offuscano la sua infanzia. Perché Gelataio, Sher Singh, Massaggiatore e Macellaio, i corteggiatori di Ayah, la sua giovane tata, non scherzano più e si accapigliano con cattiveria e foga su Gandhi, Nehru, Tara Singh e altri misteriosi nomi? Perché tutti sembrano diventati altri? in queste pagine la terribile spartizione dell'India del 1947, che generò il più grande esodo di popolazioni che la storia ricordi, appare sotto sembianze tragicomiche: una commedia domestica annuncia l'orrore, e la catastrofe si cela dietro uno spettacolare e divertente assortimento di piccoli orgogli e pregiudizi.

Recensione
La Spartizione del Cuore, di Bapsi Sidhwa, un affresco sulla separazione fra India e Pakistan, descritto attraverso gli occhi di una bambina. Lessico familiare, piccole e grandi crudeltà di quartiere, amici che improvvisamente di scoprono avversari perché indù musulmani o sikh. Tutto scorre nella vita di Lenny, costretta a diventare grande in fretta, anche se appartiene ad una famiglia privilegiata. Eppure l'innocenza non scolora del tutto ed anche attraverso il fumo degli incendi e il sangue dei massacri, affiorano il colore dei giardini in fiore, il suono di una ghazal, gli antichi palazzi mogul. Perché la grazia e la bellezza a lungo sopravvivono e rendono tutto più sopportabile.
                                                                                     Giada Pauletto

India
Mircea Eliade
Bollati Boringhieri
pag. 192
prezzo  €15

La Trama
Da Ceylon a Benares, dal Tempio d'oro di Amritsar ai conventi dello Himalaya, passando per Madras, Jaipur, Darjeeling, il giovane Eliade - che sarà autore di romanzi oltre che di fondamentali studi di storia delle religioni - ci introduce con grande abilità di scrittura a un'India sottratta alle convenzioni e ai cliché della "letteratura di viaggio". Né diario né libro di impressioni, questi frammenti, scritti in gran parte sul posto tra il 1928 e il 1931, e pubblicati per la prima volta nel 1934, conservano la spontaneità della cronaca e la freschezza del racconto non ancora rielaborato nel ricordo. Evitando accuratamente il patetico e il pittoresco, Eliade sa farci partecipi di una esperienza che è già fin d'ora una ricerca: la ricerca di quel "umanesimo" indiano, profondamente iscritto nei luoghi e nelle persone, di cui egli riesce a rendere il senso attraverso la personalissima descrizione di una realtà dove la scena di strada e l'incontro occasionale possono presentare la stessa straordinaria ricchezza di suggestioni della cerimonia religiosa e della conversazione di un Tagore.

Recensione
Lo so. È un tema che ricorre spesso nelle mie recensioni… e molti di voi penseranno: "un altro libro sull'India!". Tuttavia "India" di Mircea Eliade è molto di più di un diario di viaggio. Innanzitutto per il lessico aulico, elevato, assolutamente immaginifico dello scrittore romeno. E poi perché Eliade viaggiava in India per motivi di studio, conosceva il Sanscrito ed il Pali e ci trascina in esperienze che difficilmente il viaggiatore può sperimentare. Eliade conversa coi bramini, disserta con i monaci buddisti, vive in diversi monasteri, studiando lo yoga ed i Veda. Assiste, impotente, alla carica dell'esercito inglese contro i dimostranti a Calcutta, viene ospitato da Tagore e ne condivide l'utopica e meravigliosa scuola, ascolta i sostenitori di Gandhi… storia, storia delle religioni, ermeneutica e poesia. Tutto s'intreccia nelle pagine di questo libro. Concetti molto criptici diventano lievi, comprensibili ed un senso di profonda religiosità si sparge dalle pagine. L'India di un tempo. Non così lontana, in spirito, dall'India odierna.
                                                             Giada Pauletto

sabato 3 dicembre 2016


La faccia delle nuvole
Erri De Luca
Feltrinelli
pag. 88
prezzo  € 7,65
e-book € 6,99

La Trama
Continua il dialogo tra Miriàm e Iosèf. Continua con il loro esilio in Egitto, il bambino carico di doni e di pericoli. Oro, incenso, mirra e scannatori di Erode, il Nilo e il Giordano, la falegnameria e la croce: la famiglia più raffigurata del mondo affronta lo sbaraglio prestabilito. In ogni nuova creatura si cercano somiglianze per vedere in lei un precedente conosciuto. Invece è meravigliosamente nuova e sconosciuta. Ogni nuova creatura ha la faccia delle nuvole.

Recensione
La faccia delle nuvole, di Erri De Luca è un libro da leggere a Natale. Perché parla proprio della Natività. E lo fa in maniera dolce, intima, senza scivolare nel sentimentalismo. De Luca offre numerose interpretazioni che derivano dalla conoscenza della lingua ebraica e dal significato profondo di nomi e costrutti linguistici, in una descrizione che mette d'accordo sia il credente che l'ateo. La Natività si colora di umanità: anche quando arrivano i pastori ed il rischio del 'presepe' da canto natalizio si delinea, l'Autore scava nei propri ricordi partenopei e ci regala un pezzettino di teatro squisito, coi pastori che parlano in dialetto napoletano e si complimentano con la Madre, vezzeggiano il Bambino, lo coccolano, cercano somiglianza col Padre e con tutto il parentado. A ricordarci che ovunque c'è una culla, ovunque c'è un ideale di giustizia e d'innocenza, di fatto, si perpetua la Natività.
                                                                                   Giada Puletto

Segnaliamo a tutti gli autori una iniziativa a cura de Il Mondo Dello scrittore interessante e divertente nonché utile ed efficace per far conoscere se stessi e il loro lavoro in un modo originale.

Gioca con noi e promuovi il tuo libro
Le giornate uggiose e il freddo incombente portano a pensare al calduccio domestico, alle serate tranquille e al modo per passare il tempo senza fare congelare il naso fuori di casa. Quindi perché non giocare con noi? I giochi sono il veicolo con cui, in modo divertente, si possono fare “cose” che altrimenti potrebbero risultare noiose se non, addirittura, avvilenti. Per questo motivo abbiamo pensato di proporre ai nostri autori tre semplicissimi schemi che possono utilizzare per promuovere il proprio operato.


La mia postazione
Fate una foto alla vostra scrivania o al luogo in cui create i vostri personaggi, le trame e le ambientazioni. Il posto in cui ogni atto di fantasia prende corpo e diventa un romanzo, un racconto o una poesia, ma anche un saggio o altro ancora. La postazione in cui, in definitiva, tutto il vostro essere creativi si esprime al meglio. Alla foto abbinate un testo in word o odt con un minimo di 300 parole (attenzione, che siano parole e non battute) che possa raccontare un aneddoto, un episodio o un particolare ricollegabile a un vostro scritto. Predisponete una mail a cui allegare anche la cover del libro che avete preso in esame (al quale volete dare risalto) e un link dal quale è possibile effettuare l’acquisto. A questo punto spedite il tutto a writers@email.it
Scarica qui il tuo facsimile per partecipare a La mia postazione


Libri da gustare
Seconda possibilità: abbinate il vostro libro a una pietanza. Avete scritto un erotico? Allora la portata sarà piccante. Un giallo? Molto probabilmente il piatto da accostare potrebbe riservare delle sorprese. Gli accoppiamenti sono infiniti e possono far scaturire dalla vostra fantasia delle associazioni davvero interessanti, quindi non ponetevi dei limiti e spaziate fra tutto quello che l’arte culinaria mondiale è in grado di offrire. Nella email che ci invierete dovrete allegare la copertina del libro da gustare, la ricetta e il link dal quale quest’ultima è stata tratta. Se la ricetta è vostra, specificatelo in modo che possiamo apporre un copyright alla stessa. Mandate il tutto sempre a writers@email.it
Scarica qui il tuo facsimile per partecipare a Libri da gustare.


Gioco di Libri
Anche per questo gioco vi chiediamo di fare uno sforzo d’immaginazione. Provate a chiedervi: Se il mio libro fosse una città, quale sarebbe? E se fosse una canzone? Un quadro? Ebbene, provate a rispondere dando, ovviamente, una motivazione anche molto personale alle scelte che effettuerete. Come nei precedenti casi, nella email che manderete al solito indirizzo (writers@email.it) allegate il file che abbiamo preparato per voi (non dovrete fare altro che compilare gli spazi appositi), inserite gli eventuali link alle fonti che avete usato per immagini o testi, scrivete le vostre motivazioni, allegate la cover e il link d’acquisto al vostro libro e mandateci il tutto.
Scarica qui il tuo facsimile per partecipare a Gioco di Libri
http://ilmondodelloscrittore.altervista.org/gioca-con-noi/