mercoledì 9 dicembre 2015

Isole 
Teresa Gammauta
Milena Edizioni
pag. 144
prezzo € 5,90

La Trama
Isole inizia con la fuga di Paola. Quarantacinque anni e una vita in apparenza perfetta, eppure qualcosa la spinge a lasciare tutto e a partire per un’isola di cui non viene fatto il nome, ma che ricorda Salina, una delle Eolie. È una disperata evasione da se stessa e da un’esistenza a cui sente di non appartenere. Dopo qualche giorno di solitudine ed una lunga introspezione, incontra Andrea e tra loro nasce un sentimento passionale e devastante, che mette definitivamente in crisi le sue certezze e la pone di fronte ad un’inevitabile scelta. Non può tornare indietro, ma sente che il legame con il passato è ancora forte e che qualunque decisione la porterà ad un confronto con la donna che è stata. La sua scelta rimarrà comunque sospesa ed inespressa. Ciò che conta non è chi o cosa lei scelga, ma il fatto che impari a farlo.
Il libro contiene illustrazioni del maestro Pippo Madè.

Recensione
Esiste un momento, un tempo nella nostra vita, nel quale ci sentiamo portati, in un modo quasi ineluttabile, inevitabile, a fare un bilancio della nostra esistenza, a tirare le somme di quello che siamo, eravamo, forse saremo e di quello che abbiamo fatto, facciamo e stiamo facendo con noi stessi. E a volte, molte, i conti non tornano: si ha l’impressione di aver vissuto un’esistenza che non ci appartiene completamente, di essere stati protagonisti di un copione che qualcun altro ha scritto per noi e che noi abbiamo recitato meccanicamente, automaticamente, seguendo linee già tracciate, mai veramente sentite e fatte nostre.
Scatta allora una sorta di ribellione, il desiderio di ragionare su se stessi, di analizzare il come e perché di scelte fatte e non fatte, di comprendere a fondo per cambiare, per riappropriarsi di noi e della nostra esistenza. E, a volte, per fare questo si fugge lontano da tutto e da tutti, dalla famiglia, dal compagno di sempre, dal lavoro, dalla propria casa. Si cerca un luogo nuovo e la solitudine che ci possa regalare quella concentrazione che porta a una riflessione profonda e, forse, a quel cambio che si sente così necessario.
Anche Paola. la protagonista di questo bel romanzo, si ritrova a fuggire dalla sua vita serena, agiata e dalla sua famiglia per superare quel senso di vuoto e smarrimento che prova, per tentare di capire e di capirsi, consapevole ormai di aver vissuto sempre secondo criteri e aspettative di altri, senza mai ascoltare del tutto se stessa, occultandosi dietro il paravento di un’esistenza senza sorprese e senza scosse ma, proprio per questo, dall’equilibrio solo apparente e fragile.
Si rifugia su un’isola quasi al termine della stagione estiva, affronta solitudine, dubbi e cerca risposte. E incontra Andrea, uno scrittore con il quale vivrà un sentimento forte, attimi di abbandono e complicità ma senza riuscire a darsi completamente.
Perché per vivere veramente un amore è necessario essere completamente se stessi, senza imposizioni, ruoli prestabiliti, senza finzioni;  bisogna saper scegliere, trovare la propria essenza, ricucire gli strappi del nostro animo.
E noi lettori, nel mentre seguiamo le vicende della protagonista e il filo delle sue riflessioni, ci ritroveremo a chiederci se Paola sarà in grado di decidere, se saprà superare il suo passato per avere un futuro con Andrea o se, al contrario, la sua storia d’amore sull’isola sarà destinata a restare un ricordo. 
Il finale del romanzo ci darà un indizio lieve, sottile per interpretare la scelta e il futuro di Paola. 
Isole è un libro profondo, intenso e vibrante, sicuramente autentico nel quale sarà facile riconoscersi, sentendo i personaggi intimamente vicini, perché la loro storia è simile alla nostra o a quella di qualcuno fra le persone che ci circondano.
La prosa di Teresa Gommauta è elegante, sobria e sicuramente incisiva, efficace nel tratteggiare personaggi, situazioni, luoghi. Capace di coinvolgere il lettore al pari della trama di un romanzo che racconta la vita. Quella vera.

Un bilancio positivo per #NevicanoLibri e qualche considerazione.
L’evento #NevicanoLibri si è chiuso decisamente in modo positivo per molti, anche se i vantaggi offerti dall’avere così tanti titoli a disposizione non è stato per tutti così proficuo. Tuttavia, se il nostro intento era quello di avvantaggiare i lettori, dando loro l’opportunità di poter accedere agli acquisti con l’animo più leggero, è anche vero che la situazione ha fornito nuove opportunità a chiunque abbia partecipato al flash mob natalizio. Dunque vediamo in che modo hanno risposto i lettori.
Le Case Editrici partecipanti si sono dichiarate tutte soddisfatte, non solo i titoli proposti sono stati acquistati ma chi è riuscito ad accedere alle promozioni di amazon, ha visto i libri piazzarsi in ottime posizioni nelle rispettive classifiche, arrivando a mantenere tali posizioni anche nei giorni successivi all’evento. Un fatto curioso è stato registrato da alcuni degli editori “meno conosciuti”, nonostante la promozione fosse ben visibile e presente all’interno del loro sito istituzionale e l’offerta fosse stata ben evidenziata, alcuni acquisti sono stati comunque fatti attraverso gli store online più noti, anche a costo di pagare qualcosa in più rispetto al prezzo stabilito.
Non solo, alcuni editori non hanno messo l’intero catalogo della propria produzione digitale in promozione, ma solo alcuni titoli accuratamente scelti. Nonostante questo, forse grazie all’ondata di entusiasmo che ha circondato l’evento stesso, altri libri sono stati acquistati della stessa CE, anche se non a prezzo scontato. Questo a riprova del fatto che la buona volontà delle CE è stata comunque premiata.
In misura minore, hanno goduto degli stessi effetti anche gli autori che si sono presentati come Self publishing anche se, e dobbiamo proprio dirlo, avrebbero potuto contribuire con una maggiore diffusione alla propria promozione. Che sia chiaro, questo non è un rimprovero, questa è semplicemente una constatazione data dal fatto che gli Editori hanno saputo approfittare del momento, promuovendo a loro volta l’iniziativa, ottenendo in cambio il beneficio dell’acquisto. 
Forse questo evento può diventare un appuntamento fisso con cui deliziare i lettori e a noi di Blog Crossing piacerebbe poter coinvolgere il mondo del web almeno un paio di volte all’anno con questi flash mob simpatici e divertenti. Dal canto nostro, anche se la mole di lavoro è stata immane, possiamo solo dire che la fatica è stata ampiamente ripagata per la corrente positiva ed entusiasta che ha avvolto tutti nel corso dei tre giorni in cui si è svolto #NevicanoLibri. Non solo il web è stato inondato da post e hashtag riferiti all’iniziativa, ma il passa parola si è sparso ovunque, soprattutto al di fuori delle maglie della stessa rete.
Che dire? Era esattamente questo, quello che volevamo, il nostro intento.