domenica 15 novembre 2015


Con grande piacere segnaliamo l’antologia Attraversami che raccoglie i racconti finalisti del contest MaglaXWriters 2014 uniti da un unico filo conduttore, il tema confine. 
Il contest è stato organizzato da Magla l’isola del libro che nasce il 15/01/2014 dall’unione di quattro intraprendenti artiste: Marta - Annalisa - Ginevra - Loriana Autrici. 
Magla, per l'appunto.
Quattro giovani scrittrici ed artiste che hanno deciso di unire la loro creatività per creare uno spazio dedicato a tutti gli amanti di quel meraviglioso oggetto chiamato libro.
Link, curiosità, aforismi e citazioni: Magla raccoglie ciò che di meglio offre il mondo web relativamente a lettura, scrittura, cultura, senza tralasciare attualità e ogni tanto lo spunto per un sorriso.

Attraversami
AA.VV.
Arpeggio Libero
pag.128
prezzo € 9
Attraversami è l’invito di una porta socchiusa, è la provocazione di una linea di confine, è l’eterno richiamo dell’ignoto a chi abbia l’ardire di esplorarlo. 
Un invito, una provocazione ed un richiamo che 24 coraggiosi autori hanno accettato, cimentandosi in una sfida letteraria che, rifacendosi al noto talent show canoro, li ha portati a confrontarsi con dei coach fino a guadagnare la finale, cimentandosi nella sfida letteraria del MaglaxWriters.
“Confine” è il tema dei racconti che state per leggere. Un confine che ognuno di loro, a modo proprio, ha attraversato. E che con loro attraverserete anche voi, semplicemente voltando la prima pagina di questo libro.

Magla L'Isola del Libro
Conosciamo ora più da vicino le autrici che danno vita a Magla, per avere da loro informazioni, notizie e curiosità riguardo il loro sito e le future iniziative.
La parola ad Alessandra, Loriana e Marta.
Ragazze, come e perché nasce l’idea di Magla? Quali sono i vostri obiettivi e le vostra finalità?
Alessandra Nitti - Era il freddo gennaio del 2014 quando abbiamo deciso di creare un salottino nel quale parlare di storie, viaggi ed emozioni: insomma, di tutto ciò che ruota attorno alla letteratura. Abbiamo voluto creare uno spazio di armonia tra scrittori e lettori, dove chiunque si sentisse accolto e si potessero fare quattro chiacchiere sul meraviglioso mondo dei libri… l’idea di base era quella, poi si è ampliata con molte nuove idee e proposte. Molto si è rinnovato dopo l’uscita dal team di una delle fondatrici; infatti, con l’entrata operativa di Clementina Boccellino, sono arrivate nuove idee ed è stato realizzato il gioco-contest “Arcobaleno d’Inchiostro”.
Siete quattro autrici, ognuna di voi con il proprio stile e personalità. Come vi coordinate e come organizzate il lavoro di Magla?
Marta Tempra - Magla è cresciuta in fretta e al di là di ogni nostra aspettativa. Questo ci rende felici, ma comporta anche molto lavoro da svolgere per far girare a dovere tutti i meccanismi. Alcune di noi si sono specializzate nella parte grafica, altre in quella contenutistica, altre ancora di contatti stampa. 
Il lavoro di coordinamento è tanto e faticoso, visti gli impegni di tutte e le distanze, però si porta tenacemente avanti, anche perché i risultati ci ripagano di tutto: Magla è diventata in poco tempo davvero una bella realtà e ha realizzato cose importanti di cui possiamo andare fiere.
Ma devo confessare che il nostro panzer è Loriana, è lei che ci ha spronato a tenere duro anche quando il carico di lavoro era davvero impegnativo. Senza di lei, forse non esisteremmo nemmeno.
L’antologia Attraversami raccoglie i racconti finalisti del contest MaglaXWriters. Racconti uniti dal filo conduttore del tema “confine”. Raccontateci di questa esperienza, delle “gioie e dolori” che vi ha portato.
Loriana Lucciarini - Dietro la realizzazione del contest c’è stato un grande lavoro di organizzazione, non facile, soprattutto perché era partito come un gioco diventando poi una cosa davvero impegnativa. Gestire un team di giovani autori per me è stato stimolante e creativo. Con molti degli autori sono rimasta in contatto e hanno mantenuto un legame con Magla. Certamente per me è stato complicato gestire la loro esuberanza di idee e riportarli alle scadenze delle consegne, ma è stata un’esperienza fantastica, che mi ha insegnato molto e che mi ha arricchito tanto. Poi, gli attestati di stima ricevuti sono stati davvero la ciliegina sulla torta: perché tutto il lavoro fatto, il tempo, l’impegno così generosamente profusi in modo del tutto gratuito sono stati riconosciuti e apprezzati da tutti.
Marta Tempra - Il MaglaXWriters è stata un’esperienza incredibile. Trovarsi di colpo dall’altra parte del libro, a fare editing su persone spesso più grandi e forse esperte di te è stato un po’ straniante, ma i partecipanti sono stati molto soddisfatti, addirittura ho ricevuto proposte come editor per i loro romanzi! Di contro è stata una mole di lavoro non indifferente, ma ne è davvero valsa la pena.
Alessandra Nitti - Una grande soddisfazione: il concorso è nato quasi come un gioco, però il lavoro – molto impegnativo – è durato mesi. Infine, abbiamo partorito l'antologia “Attraversami”, frutto delle nostre fatiche. Devo anche ammettere che gli scrittori con i quali ho lavorato mi hanno dato e mi danno tuttora delle gioie e, nonostante fossi stata la loro coach, ho imparato molto da loro.
Avete in programma altre iniziative simili?
Alessandra Nitti - Certo! La seconda edizione non tarderà ad arrivare. Oramai, non possiamo più farne a meno. 
Stiamo pensando a una gara ancora più intrigante, migliorata grazie all’esperienza dell’edizione scorsa. Confesso che i primi tentativi di imitazione in rete – nel web infatti si possono trovare almeno un paio di imitazioni al nostro format originale - ci hanno lasciate perplesse, ma in molti hanno difeso l’autenticità della nostra idea e soprattutto, l’esperienza ci aiuta a essere sempre un passo avanti. Nonostante sia un grosso lavoro, posso dire solo che ne vale la pena e “Attraversami” è l'emblema del nostro piccolo ma soddisfacente successo.
Al di là delle indubbie soddisfazioni che la vostra associazione vi regala, quali sono le problematiche che dover affrontare?
Loriana Lucciarini – Il carico di lavoro è molto, tra rinnovamenti grafici del blog, ideazione di contenuti sempre nuovi e interessanti, “fidelizzazione” di pubblico, organizzazione di eventi. Tutto ciò da portare avanti parallelamente alle nostre attività da scrittrici e anche agli impegni quotidiani di ognuna di noi. Ci sono stati dei momenti critici, ma tra alti e bassi abbiamo saputo mantenere la nostra rotta e continuiamo con convinzione. 
La cosa più difficile è mantenere collaborativa e sinergica l’isola di Magla. Questo è un punto importantissimo: Magla è un arcipelago che accoglie tutti ma occorre starci con rispetto e entusiasmo. Abbiamo proposto molte iniziative per scrittori e alcuni sono approdati da noi con lo spirito sbagliato: questi autori hanno utilizzato i nostri contest ma poi hanno creato un clima di tensione e recriminazione. Questo è proprio ciò che non vogliamo: in Magla si cresce, ci si confronta, ci si informa, si fanno cose insieme, ma le primedonne non sono ammesse, perché noi per prime siamo umili e lo pretendiamo anche dagli altri. Moderare tutto questo è impegnativo, ma lo facciamo con fermezza perché difendiamo il clima sereno che si respira nella nostra bella isola.
Una domanda che mi sta a cuore anche come blogger: il Web pullula ormai di siti che sia occupano direttamente o indirettamente di letteratura. Secondo voi, un sito come può emergere, sopravvivere, avere una sua visibilità e non perdersi fra la moltitudine?
Loriana Lucciarini – Il segreto è ancora da scoprire. Personalmente rimango stupita di alcuni blog di successo che fanno della polemica e della critica il loro punto di forza. Magla è differente: propone articoli d’interesse generale, sia di tipo letterario che di attualità, offre un arcipelago di isolette su cui ci si può sentire accolti: dallo spazio dedicato ai lettori, allo spazio per gli scrittori, alla piccola isoletta che propone i nostri scritti, per divertire i navigatori. 
Magla accoglie e propone iniziative in ambito letterario e fa propria l’idea di supportare iniziative culturali nelle quali crede. Io penso che questa sia la strada giusta e il riscontro di pubblico ci conferma questo. Se continueremo a mantenere la nostra identità, pur rinnovandoci continuamente e proponendo nuove rubriche e attività, questo sarà riconosciuto e apprezzato dai lettori. Sono convinta che gli elementi che determinano il successo di un blog rispetto all’altro siano identità e coerenza. Originalità, senza scopiazzare le idee altrui e utilizzare le nostre competenze extra letterarie per proporre rubriche interessanti (arte, scienza, sociale…) credo siano il fulcro del nostro lavoro.
 Cosa suggerireste agli autori emergenti che si vorrebbero rivolgere a voi? Che apporto e supporto potete offrirgli?
Marta Tempra - Magla l’isola del libro è anzitutto un luogo di incontro, quindi attraverso noi potranno entrare in contatto con un certo bacino di lettori interessati all’argomento libri. 
C’è tanto spazio anche per gli scrittori che qui possono reperire informazioni in ambito letterario e sulla piccola editoria, ma non solo: da noi ricevono stimoli e sfide. Ne è la prova il gioco-contest “Arcobaleno d’Inchiostro”: una gara sui generi letterari in cui in tanti si sono cimentati, provando a interpretare un genere su cui mai avevano scritto. Un gioco più che un concorso, ma che ha permesso un confronto e un arricchimento per chi ha partecipato, coinvolgendo autori affermati come giudici per la valutazione dei testi in gara. Di questo concorso è appena uscita l’antologia, scaricabile gratuitamente sul web, quale piccolo dono ai concorrenti che Magla ha fatto per ringraziarli di aver partecipato a questa sfida.
I nostri concorsi, sfide letterarie ed eventi, oltre a far crescere l’autore in stile ed inventiva, possono metterlo in contatto con le case editrici con cui collaboriamo, fornendo una reale opportunità di pubblicazione. Ne sono esempio il “MaglaxWriter” e il concorso “Di favole e di gioia”, organizzato con Arpeggio Libero. Quest’ultimo che ha selezionato ben 12 autori e 7 illustratori per una collana di volumi per bambini che sosterrà addirittura Emergency!
Progetti importanti quindi, che sono delle opportunità per tutti gli scrittori emergenti e esordienti… e aggiungo che tra di noi si nasconde un editor che può aiutare concretamente gli emergenti.
Ci svelate i vostri progetto futuri?
Marta Tempra - Come già detto, un’edizione ancora più scoppiettante del MaglaXWriters bolle in pentola…rimanete collegati! ;)
Alessandra Nitti – …la Seconda edizione sarà piena di sorpresa e ancor più emozionante. Mi raccomando, diffidate delle imitazioni!
Loriana Lucciarini – Aggiungo che stiamo lavorando ai nuovi contenuti nel blog, soprattutto per ampliare le rubriche e lo spazio per i lettori. Ci saranno infatti giochi, confronti e iniziative per gli isolani libidinosi. 
Perché Magla cresce e fa crescere: supporta gli autori aiutandoli a un percorso di visibilità e coinvolge i lettori nel mondo magico che profuma di carta!

Chi sono le Magla.

Alessandra Nitti
Nata ad Avellino nel 1991, ho trascorso la mia vita in giro per il mondo ma ho conseguito la laurea in Lingue, lettere e culture comparate nel 2013 in Italia, precisamente all'Università Orientale di Napoli. Al momento scrivo, lavoro e mi occupo dei miei gatti nella bellissima capitale austriaca, che abbandonerò presto per iniziare la specialistica in Sinologia a Venezia.
Le miei più grandi passioni sono i classici della letteratura e i viaggi, soprattutto quelli lenti in treno che attraversano intere nazioni, nonché le lingue, che spero un giorno mi porteranno il pane in tavola. Collaboro con Magla, l'isola del libro insieme ad altre tre autrici, con le quali abbiamo pubblicato dato vita al concorso per scrittori Magla X Writers.
Ho iniziato a scrivere da bambina, tenendo nascosti tutti i miei brevi racconti che consideravo, in cuor mio, capolavori. Poi ho scoperto che si scrive per farsi leggere e così ho conosciuto Arpeggio Libero, con il quale ho pubblicato il mio primo romanzo.
Loriana Lucciarini
Vivo in provincia di Viterbo e lavoro a Roma. Scrivo da sempre poesie e racconti. Mi piace l'arte in generale, la musica, il disegno e la fotografia, la regia teatrale e realizzare video in postproduzione. In ogni mia attività, tendo a voler inserire "scintille" di creatività, per rendere ciò che faccio più mio.
Dal 2013 ho pubblicato due raccolte di poesie, I legami sottili dell'anima e Sotto le nuvole. Ho all'attivo un racconto per ragazzi, Una fantastica caccia al tesoro e una raccolta di racconti brevi, short stories, Little Thoughts. Mentre il mio romanzo Il cielo d'Inghilterra è uscito a maggio 2015 con Edizioni Arpeggio Libero.
Ho vinto alcuni premi letterari e sono stata inserita in varie antologie.
Attualmente, oltre ad occuparmi quotidianamente dei contenuti del mio blog, mi sto cimentando in collaborazioni sinergiche con Magla, l'isola del libro e con il progetto 4writers.4blog.
Marta Tempra
Nasco 22 anni fa, come l'ultima di cinque figli. Scopro presto che far parte di una famiglia numerosa vuol dire lottare ogni giorno per la sopravvivenza ma anche far parte di una banda inimitabile. Con il passare degli anni le mille storie inventate da bambini prendono vita su carta, e inizia un'appassionata relazione con la scrittura. Dopo cinque anni di liceo classico, l'apparente tradimento: mi iscrivo alla facoltà di Fisica, poi, minata la mia autostima e il mio spirito pratico, opto per un salutare passaggio a Ingegneria Energetica, in cui sto per laurearmi. A chi considera queste due strade inconciliabili, rispondo che sono entrambe espressioni di uno stesso spirito: con le scienze si indagano i meccanismi delle cose, con la scrittura quelli delle persone.
Nel frattempo, il giorno del mio 21 compleanno, arriva la mail che realizza il mio sogno: una casa editrice ha letto i miei scritti su internet e li vuole pubblicare. Arpeggio Libero, ed è libera davvero: nessun contributo economico, nessun obbligo di acquisto copie. Nessuna fregatura. Incredula accetto, e nasce "L'istante tra due battiti", la mia prima raccolta di racconti.
Si apre per me un mondo nuovo e sconosciuto. Un mondo fatto di presentazioni in zona e agli estremi dell'Italia, di rapporti con le librerie, di estenuanti ma gratificanti fiere del libro, come il Festival della Microeditoria di Chiari o la Più libri più liberi di Roma. Conosco persone meravigliose e rimedio anche qualche fregatura, ma resto consapevole di essere su una strada incredibile e costantemente in salita verso nuovi traguardi.
Nel frattempo continuo a scrivere, sia di mia iniziativa sia grazie a siti come mEEtale e TheIncipit, che mi permettono di confrontarmi con scrittori più bravi di me e mettere alla prova le mie capacità.
Ad aprile 2014, sempre sotto l'egida di Arpeggio Libero, è sbocciata la mia seconda fatica letteraria, "L'estate dei bucaneve". Nel 2015 è uscito “AD 1243-L'ultimo assedio” uno storico scritto a quattro mani assieme a Furio Toth.
Passate a trovarmi sul mio blog: Post it! oppure seguitemi sulla  mia pagina facebook, con anticipazioni, racconti gratuiti, iniziative e info sulle presentazioni.

Nessun commento:

Posta un commento