venerdì 5 settembre 2014


La resa degli innocenti 
Irma Panova Maino 
Edizioni esordienti e-book 
pag. 162
prezzo € 3,99

La Trama 
Barbara ha perso il marito in un incidente stradale, ma riesce a superare la sofferenza che prova quando si accorge di essere in attesa di un bambino. Per dodici anni, il piccolo Marco le darà la gioia, l’energia, il coraggio per continuare a vivere. Fino al giorno in cui il piccolo scompare nel nulla. Gli inquirenti non saranno in grado di ottenere alcun risultato e Barbara, dopo un periodo di fortissima depressione, reagisce a suo modo: si trasforma in Rian, una donna disposta a tutto per scoprire la verità. In questa sua indagine particolarissima, violenta e crudele, si ritroverà accanto un misterioso alleato di nome Leonardo.

Recensione
Ha un senso continuare a vivere quando sei stata colpita dalla disgrazia più terribile per una madre, la sparizione, senza che se ne sappia più nulla, del tuo unico figlio?
Per Barbara, madre di Marco scomparso senza lasciar traccia e senza che le indagini ufficiali abbiano ottenuto un qualche risultato, il senso, il significato della sua ormai miserrima esistenza ridotta a mera sopravvivenza, è la ricerca della verità e la vendetta.
A cinque anni dalla disgrazia, è diventata Rian una donna solitaria, spietata e dura, che non avrà paura di affrontare i peggiori abissi e le più indegne depravazioni dell’animo umano, pur di scoprire quello che è realmente accaduto a suo figlio.
La protagonista verrà a contatto con un ambiente dove predomina la deviazione e non esiterà a eliminare, inesorabile e brutale, quei pervertiti che sospetta potrebbero aver fatto del male al suo Marco.
In questa sua discesa agli inferi, si ritroverà sorprendentemente accanto un alleato tanto misterioso quanto onnipotente, che resterà con lei fino all’ultimo, fino a quando avrà tutte le risposte che cercava.
Noir dal ritmo serrato, scritto con una prosa nitida e dura come la vicenda che narra, La resa degli innocenti coinvolge il lettore sin dalle prime righe, portandolo a immedesimarsi in Rian, la sua lucida follia, la sua sete di verità, il suo dolore che non avrà mai fine.
Sentiremo immediatamente vicina questa donna che ormai non ha nulla da perdere, assisteremo ai suoi crimini efferati senza riuscire a formulare nei suoi confronti un giudizio di condanna definitivo, perché la pena che proviamo sarà più forte e intensa di qualsiasi altro sentimento.
Irma PanoVa Maino ha saputo creare un personaggio di grande spessore emotivo, contrassegnato da una sofferenza infinita al quale si contrappone l’ironico Leonardo, inatteso alleato di Rian, dall’identità misteriosa, crudele eppure lieve, con le sue parole sempre opportune, la sua perfida ed eterna imperturbabilità, che nasconde una conoscenza infinita.
Un romanzo che unisce noir ed esoterismo, che si legge con interesse e passione, per arrivare a un finale non scontato.