giovedì 25 settembre 2014


Un cuore ovale 
Miriam Tocci 
Rizzoli YouFeel 
pag. 93 
prezzo € 2,49 

La Trama 
Con un matrimonio fallito alle spalle e un presente precario fatto di mille lavori per sbarcare il lunario, Serena non ha una vita facile. Ma le ferite del passato non hanno cancellato il suo grande sogno: ristrutturare il vecchio casale di famiglia e aprire un'attività tutta sua in mezzo alla natura. Con tutti questi pensieri per la testa, non c'è tempo da perdere in flirt: così quando al pub in cui lavora incontra Francesco, giocatore della nazionale italiana di rugby, non fa caso alle sue attenzioni. Quello che non può immaginare è che nel giro di poche ore lo rivedrà. E non al pub, ma in una clinica veterinaria dove lei opera come assistente e dove Francesco porta una cagnolina ferita, raccolta sul ciglio della strada. Serena non è immune al fascino del bel rugbista e rivederlo in veste di salvatore di animali lo rende ancora più attraente ai suoi occhi. Ma con tutte le donne che girano intorno ai campioni, è convinta di non avere speranze. Invece Francesco da quella sera non ha in testa altra meta

Recensione 
Serena è una bella donna, ha sogni semplici ma bellissimi perché nascono dall'amore sincero per la sua famiglia e per la vita, anche se quest'ultima l'ha seriamente messa a dura prova. 
E mentre seguirete le sue vicende, sarà la rabbia uno dei sentimenti che vi morderanno il cuore. Rabbia nei confronti di quel marito che la denigra, che ne denigra i sogni e che, violento e privo di scrupoli, le si accanisce contro. Detesta i desideri così semplici di Serena, odia il fatto che se ne sia andata e si vendica di lei forte della circostanza che la sua professione di avvocato gli fa avere i giusti agganci per rovinarle la vita. 
Vi verrà seriamente voglia di cavargli gli occhi. Lo disprezzerete, perché diversamente non si può fare nei confronti di chi usa la violenza, fisica o psicologica su una donna (e in generale su chi è indifeso) per arrivare ai propri scopi,  o anche solo per vendetta.
Serena, d’altra parte, vi scalderà il cuore e scioglierà il fiele che il suo ex marito vi avrà lasciato addosso. Perché lei è una donna forte, la vita le rema contro, come mare in tempesta, ma Serena continua la sua traversata con forza. E se non vi rispecchierete nel suo coraggio, lo ammirerete. La protagonista de Un cuore ovale ha perso fiducia negli uomini. Francesco arriva nella sua vita, forse non proprio in punta di piedi, quando lei nuota in un mare in tempesta con onde così alte che sembra vogliano annientarla. 
Lui sarà per Serena come un salvagente, massiccio e sicuro, un angelo, che gioca in un'importante squadra di rugby. 
Dovrà però affrontare la paura e la diffidenza di lei, ma lo farà con coraggio, deciso a non arrendersi. Sarà una cagnetta ferita ad avvicinarli e, una volta vicini, il richiamo dell'anima e dei sentimenti sarà più forte anche della paura. 
E vi riconoscerete in questo loro amore:
Francesco potrebbe avere benissimo il viso dolce dell'uomo che divide con voi la vita, quello che nel bene e nel male vi è accanto e sa amarvi a discapito di ciò che siete e di ciò che siete stati. Francesco e Serena, la loro storia, vi scioglieranno il cuore. Fra pasticci, incomprensioni e l'ex marito di lei che spunta rabbioso ad avvelenare gli animi, il sentimento che unisce i due protagonisti del romanzo si dimostrerà più forte di tutto, perché se è vero che l'amore non si sceglie, ma ci sceglie, è anche vero che niente può allontanare due persone che si amano, perché la volontà di stare insieme non potrà essere spenta da nulla, neppure dall'ironia beffarda della vita.
E in turbinio di emozioni che vi avvolgeranno come spire, a volte delicate, a volte rabbiose, imparerete lezioni che porterete sempre con voi.
Capirete che avere coraggio vuol dire saper chiedere aiuto e che, anche quando la vita sembra avervi messo a tappeto, potrete, anche se a fatica, ribaltare la situazione. 
Questo, credo, sia anche quello che avrà imparato Serena.

                                                 Simona Zarcone

Nessun commento:

Posta un commento