lunedì 18 agosto 2014


Le cose che non ho 
Gregoire Delacourt 
Salani Editore 
pag. 144 
prezzo € 10,97 
ebook formato Kindle € 8,99 

La Trama
Jocelyne è una donna di mezza età che vive in un paesino della Francia con il marito e i figli. La coppia ha affrontato prove durissime e i coniugi  hanno ancora la volontà di combattere per la loro unione. La protagonista gestisce una merceria, diventata famosa grazie al sito Internet "Mani di Fata". In questo mondo virtuale, tante donne si scambiano gesti solidali e consigli sul ricamo. Un giorno scopre di aver vinto la lotteria e di essere diventata milionaria; nella sua mente iniziano ad affiorare tante domande : "la felicità si può comprare?, Possono i soldi cambiare tanto una persona?".

Recensione
Leggendo questo romanzo, mi sono ritrovata anch’io a riflettere  sulle varie problematiche che analizza e in particolare sul fatto che ricerchiamo perennemente, costantemente la felicità ma solo con il passare degli anni ci accorgiamo che è fatta dalle piccole cose della nostra quotidianità alle quali, però, spesso non diamo il giusto valore. 
Di qui l’invito che l’autore ci rivolge di cercare in noi stessi la serenità, non nelle cose materiali, ma di qui anche il fatto che Le cose che non ho sia un’opera estremamente attuale nell’affrontare e approfondire il tema della futilità della ricchezza e del denaro, che la nostra società ha posto come valori fondamentali. 
La protagonista Jocelyne, una donna forte, positiva, buona e amorevole, fronteggerà la vincita a una lotteria in un modo molto particolare e dovrà mettere in discussione tutta la sua vita. 
La narrazione tocca anche il tradimento e il suo perdono, la rinascita personale e l'amicizia. 
La prosa di Delacourt è semplice, priva di dialoghi ( la voce narrante è quella di Jocelyne), i capitoli sono brevi: in definitiva, si tratta di un libro che si legge facilmente ma che pone profondi interrogativi e ci fa riflettere sul fatto che "La vera felicità è gratuita”, come sosteneva Tommaso d’Aquino.

                                                  Vanessa Mattioli

Nessun commento:

Posta un commento