sabato 26 luglio 2014


Full of life 
John Fante 
Einaudi Editore collana Stile Libero 
pag. 196 
prezzo € 10,63 
ebook Kindle € 6,99 

La Trama 
La trama di questo romanzo è solo all'apparenza molto semplice: John Fante, scrittore affermato, vive a Los Angeles con la moglie Joyce che è incinta del loro primo figlio. Un giorno, in cucina, si verifica un’invasione di termiti che rompono tutto il pavimento. John decide così, di chiedere aiuto a suo padre, Nick Fante, abile muratore che si trasferisce a vivere con il figlio per riparargli casa.

Recensione
La storia è autobiografica e affronta i problemi di una coppia in attesa del primo figlio, con dinamiche famigliari che fanno molto riflettere. 
John è un uomo insicuro che non si sente pronto per diventare padre e vorrebbe scappare da tutto; sua moglie Joyce è concentrata solo su se stessa e sul bambino, scarica ansie e frustrazioni sul marito e passa le sue giornate leggendo libri sull'educazione dei figli e sulla religione. 
John si sente ignorato e messo da parte sia dalla moglie che dal padre Nick Fante, una figura che ricorre spesso nei libri dell'autore. Nick è un uomo all'antica molto severo, che con gli anni è diventato più saggio e da buon italiano sempre più legato alla famiglia. 
Tra questi personaggi si sviluppa la vicenda del romanzo, con litigate, disavventure, lacrime e grandi bevute di vino.
Lo stile narrativo di Fante è semplice e lineare, riesce a far sorridere con l'umorismo della quotidianità e a commuovere senza smancerie. Full of life arriva al cuore senza essere banale o superficiale, grazie ai dialoghi e alle descrizioni precise, dettagliate di personaggi, caratteri, situazioni: un’opera che consiglio perché dà una lettura della vita intima di ciascuno di noi, tra odio e amore, facendoci immedesimare nei rapporti famigliari descritti e narrati.
Non è il primo libro che leggo di Fante, e come ogni volta, mi sono trovata immersa nella vita dell'autore così semplice e straordinaria.

                                                                                          Vanessa Mattioli

Nessun commento:

Posta un commento